Un aiuto per Potter e Abraham

Torniamo nuovamente a parlarvi di una realtà che vi avevamo presentato diverse settimane fa: tuttavia questa volta non ci troviamo nei pressi del Canile Municipale di Montecontessa per parlarvi di eventi, ma di una nobile iniziativa che ha per protagonisti due dolcissimi bulldog.

Due cuori in cerca di una possibilità

Potter e Abraham sono due giovani vaganti di appena due anni: sbucati dal nulla, inizialmente in condizioni estreme con le zampe posteriori deformate e le costole in bella vista, ma pieni di energia, di fiducia e sopratutto di una voglia di vivere che qualsiasi volontario venuto a contatto con loro non ha saputo ignorare.

Recentemente sono stati soggetti a delle visite in clinica ed in seguito alla tac sono risultati evidenti una serie di interventi a cui entrambi dovranno essere sottoposti al fine di poter vivere in completa serenità e salute.

Questo episodio non è unico, si tratta di una realtà che sin dal principio attraverso raccolte interne con vendite di gadget o partecipazione/organizzazione di eventi, si prefigge l’obiettivo di raccogliere fondi per poter offrire le migliori cure ai propri ospiti, a prescindere dalla loro provenienza, origine e specie.

Bisogno di sostegno ma anche di comprensione

Il messaggio non vuole solo essere una richiesta di aiuto quanto anche un messaggio di sensibilizzazione, di presa di coscienza, d’invito a non voltarsi dall’altra parte, a non nascondersi nell’indifferenza e ignoranza.

Potter e Abraham sono dotati di una forza di volontà unica ma durante le passeggiate si stancano facilmente, ritrovandosi completamente privi di forza. Qualsiasi forma di aiuto sarà apprezzata, così come la massima condivisione di questa emergenza.

Non abbandonateli, non abbandonateci

Le operazioni vanno moltiplicate per tre (poiché Abraham necessita di più cure) e le tac per due, per un totale di 7110 euro: una somma decisamente considerevole ma che con uno sforzo collettivo si può raggiungere e può garantire la vita, presso la struttura del Canile e poi in una casa col calore di una famiglia, di due amabili cani, troppo giovani per essere condannati ad un’esistenza volta alla malattia e alla sofferenza.

Sulla Pagina ufficiale dell’Associazione Una Onlus troverete tutte le informazioni utili, Vi ringraziamo anche a nome della redazione per qualsiasi forma di sostegno riuscirete a dare, a presto!

Rispondi