Un altro mercoledì all’insegna dei nostri amici animali

Instancabili, nonostante il maltempo e il freddo di questi ultimi giorni, anche oggi ci troviamo nuovamente al Canile di Montecontessa per presentarvi altri tre meravigliosi cani, ciascuno con una storia unica da raccontare.

Il primo che avremmo piacere a presentarvi oggi, si chiama Balù: si trova in canile dal 2010 e ha circa tredici anni. Balù è un cane di taglia media, non tira al guinzaglio e non mostra alcun problema nell’interagire con i propri simili. Non ama eccessivamente il contatto fisico né chi gli si rivolge con toni troppo alti o nervosi, per cui l’ideale per lui sarebbe una famiglia non alla prima esperienza, che sappia essere una guida calma, sicura, ma anche comprensiva. Il contesto migliore per lui sarebbe una casa nel verde, con un bel giardino e senza bambini o gatti.

Il secondo cane di oggi invece si chiama Goran e non è la prima volta che ve lo presentiamo. Parliamo di uno splendido rottweiler, nato nel 2008 ed entrato nel canile nel 2016, a causa di una famiglia che non ha saputo capirne le necessità. Goran ama fare lunghe passeggiate, immergersi nel verde e gli piace stabilire un buon rapporto con le persone che conosce. Anche per lui l’ideale sarebbe una casa con un giardino, nella tranquillità del contesto rurale e con al fianco delle persone che non siano alla prima esperienza e che siano disposte ad intraprendere un percorso con un istruttore cinofilo, da proseguire per tutto il tempo necessario.

Ultimo di oggi, ma non meno importante è Zeus, un meraviglio pitbull nato nel 2008 ed in canile dal 2014: un cane di una vivacità incredibile, non dimostra affatto la sua età. Adora fare movimento e non vorrebbe mai separarsi dalla sua pallina. A causa del bagaglio importante sulle sue spalle, inizialmente con le persone si mostra diffidente, ha bisogno di tempo per concedere la propria fiducia. Non va molto d’accordo con i propri simili, per cui la sua famiglia ideale non presenta altri animali, non è alla prima esperienza e non ha bambini.

L’età è solamente un numero

Risulta quanto mai evidente ciò che lega questi cani che vi abbiamo presentato oggi: hanno già un passato alle spalle, delle esperienze non proprio positive e sicuramente non sono forse i cani più semplici con cui interagire. Ma cosa c’è di semplice in questa vita?

Rimangono degli stereotipi dannatamente comuni, il fatto che si pensi che un cane anziano non possa adattarsi, non sia in grado di affezionarsi, come se avesse una scadenza, ma quale dovrebbe essere? Quando si smette di provare amore, di desiderare la felicità? Con quale arroganza dovremmo negare dei sentimenti a delle creature, basandoci unicamente sulla loro età? I problemi sussistono solamente nel momento in cui si cercano volutamente, e possono presentarsi con chiunque e in qualsiasi istante. Dipende solo da noi, dal nostro modo di porci nei confronti della vita e di chi ci circonda: donare felicità negli ultimi anni di vita credo sia uno dei regali più preziosi che si possa fare. Non siate egoisti o avari, il cuore di un cane anziano batte con la stessa determinazione di chiunque altro, e se gliene darete l’opportunità, saprà amarvi con tutta l’anima.

Vi ringraziamo per il vostro incredibile sostegno, continuate a seguirci e a condividere questi episodi, insieme possiamo fare la differenza. Alla prossima!

-> 010 897 9374

-> https://unaonlusgenova.org/

 

Rispondi