Benvenuta estate

Il caldo sembra essere arrivato davvero questa volta, ma non è una buona scusa per venire meno ai nostri impegni: ecco perché, anche oggi, ci troviamo nuovamente al Canile di Montecontessa per (ri)presentarvi musetti nuovi e conosciuti.

Il primo ospite della giornata è Dux, una meraviglia di appena tre anni, che da pochi mesi si è ritrovato a vivere in Canile da pochi mesi. Da sempre abituato a star libero, prima trascorreva tante ore all’aperto, quindi questa nuova vita in box gli pesa non indifferentemente. Dux sin da subito si è mostrato educato, buono, non tira nel corso delle passeggiate né quando incontra propri simili. Nonostante la nuova realtà, grazie al supporto dei volontari, è riuscito subito a trovare serenità e vivere più positivamente questo momento. Dux, neanche a dirlo, è giovanissimo e quindi ha molta energia da scaricare: l’ideale è una famiglia che abbia la possibilità di regalargli tutte le attenzioni necessarie e uno stile di vita dinamico ed equilibrato.

Il secondo ospite di oggi invece si chiama Brayan, ha circa un anno e da un mese si ritrova a vivere nei pressi del Canile di Montecontessa. Lui è stato un recupero dalla strada, per cui inizialmente era molto spaventato e ancora ha difficoltà a riuscire a destreggiarsi nella sua nuova vita presso il Canile. Brayan si è mostrato molto timido, adesso ha cominciato a fidarsi maggiormente delle persone, soprattutto di chi lo porta in passeggiata. Persino le carezze lo spaventano, ma poco a poco comincia a capire che nessuno vuole fargli del male e sta iniziando a lasciarsi andare. La famiglia che vorrà adottare Brayan dovrà avere pazienza e nessuna fretta ed essere quindi disposta ad intraprendere un percorso di conoscenza, per dare a Brayan tutto il tempo e le occasioni necessarie per sentirsi a proprio agio e trovare un equilibrio, necessari per poter affrontare la nuova vita in completa serenità e felicità.

Infine, per questo mercoledì vorremmo ripresentarvi Nikita, una meraviglia che lo scorso mese è stata scelta anche per il post dell’Adozione del Cuore. Questa piccina è nata nel 2014 e dal 2019 si trova al Canile di Montecontessa: Nikita è una golosona, le piace mangiare e adora godersi le passeggiate e interagire con le persone. Sembra che trovarle una famiglia stia risultando difficile perché la povera Nikita soffre di crisi epilettiche. Vogliamo sottolineare che è in terapia e che questo piccolo dettaglio non dovrebbe in alcun modo interferire con la sua adozione, Nikita è un cane meraviglioso, merita e ha bisogno di una casa. La famiglia giusta saprà vederla per chi è veramente, senza badare al resto e prendendosene cura con tutta l’attenzione e l’amore possibili.

Dalla parte di chi vuole aiutare

Come i colleghi della redazione Kodami (di cui vi lasciamo l’articolo QUI), vorremmo spendere due parole sull’incidente nei pressi del Canile che ha coinvolto il cagnolino Paco.

Una triste vicenda che sembra essere partita dal principio con la zampa sbagliata, perché gli animali coinvolti in questa staffetta (15 gatti e 6 cani), lo scorso 22 maggio, sono stati sottoposti a sequestro nel momento in cui le condizioni di trasporto non sono risultate idonee per il benessere degli animali stessi. A seguito di ciò, tutti gli animali son stati portati presso il Canile di Montecontessa e la scorsa settimana hanno raggiunto le proprie famiglie adottive, ad eccezione del piccolo Paco, il quale è stato vittima di un terribile incidente dal quale probabilmente uscirà con una disabilità alle zampe posteriori. L’associazione ODV Uomo Natura Animali ha subito portato il cagnolino presso una clinica di Arenzano e ne sta coprendo tutte le spese, comprese quelle della fisioterapia, nella speranza che un intervento immediato possa fare la differenza. Parliamo di una fatalità impossibile da prevedere e un caso di drammatica unicità nel suo genere, che non dovrebbe essere strumentalizzata per infangare un’associazione che da dieci anni, gestisce il Canile di Montecontessa al meglio, con risultati tangibili in termini di adozioni e percorsi di supporto.

Ci uniamo all’appello della stessa associazione, nella speranza di raggiungere una famiglia che abbia il cuore e la possibilità di accogliere il piccolo Paco, in modo che possa al più presto imparare a lasciarsi alle spalle tutto questa triste vicenda e che possa trovare, a sua volta, un nuovo equilibrio, in questa vita.

Come sempre vi ringraziamo per il sostegno e vi lasciamo i contatti utili dell’associazione, alla prossima!

-> https://associazioneuna.org/

-> info@unaonlusgenova.org

-> 010 897 9374

Rispondi